Azione Disabilitata
logo

Home

Lorenzo Marzano

Freelance Photographer & Dreamer

Lorenzo Marzano

Ebbero a dir di me sull’ambiguità dell’essere, che mi rivolgo a uomo in cui riconosco la donna e che tento di ricreare nel ritrarla.

Quasi come a rubarne un pezzo e farla mia, quasi come ad inseguire l’altra metà di me ed immortalarla così che nell’immagine di lei mi specchi.

Dove non sono solo io ma due metà: di luce e ombra, di uomo e donna, di musica silente, di staticità creativa, sobrio sfarzo, timido egocentrismo, vita svanita che è morte.

Opposti coesistenti che  ruvidi come la pelle di un rinoceronte e testardi avanzano lentamente, pesantemente ed incessantemente travolgendo, quant’anche superando e calpestando, tutto per raggiungere un obiettivo.

Che è ancora ambiguità nella solidità pesa dell’animale che materialmente sta; atono quasi a essere parte oggetto di un ambiente accanto al vibrare sensuale e sessuale poliglotta di interazione che mi porta a vagare ancor prima con la mente.

Forza e dramma del mio essere cieco di fronte allo svolgersi del mondo che fermo attraverso la fotografia, interpretandolo col vocabolario delle mie paure e dei miei vizi.

Cerco la bellezza nel microcosmo di un bosco autunnale, nella forma perfetta della luna nel cielo notturno, nella curva d’una schiena femminile, nella purezza riflessa di una goccia d’acqua e nello scatto, che è amalgama di sensi, più tardi è l’invisibile che resta.

Pratese “Duca” del mio regno in cui affondo le radici, scopro il mondo attraverso l’obiettivo e nel caos d’insieme fermo il soggetto, il senso e la vanità e d’essa m’immergo nello sforzo di allontanare narciso da me.

Guerra in cui cerco pace e al contempo me stesso.

Questo è il mio mondo interiore e dunque me.

Perchè le origini sono importanti

Lorenzo Marzano nasce a Prato nel 1978. Dal 2007 dedica la propria vita professionale alle arti grafiche ed alla realizzazione di prodotti grafici e stampe, con particolare attenzione alle innovazioni tecniche e ed ai diversi materiali. Fotografare però è la sua passione.

Si dedica alla fotografia definitivamente nel 2016 entrando a far parte del Fotoclub “Il Bacchino”, consacrando gran parte del suo tempo a realizzare scatti con l’intento di cogliere l’attimo negli sguardi, immortalare le emozioni espresse dalle persone, eligendo l’estetica, la soggettività con le sue manifestazioni, in particolare il sentimento individuale.

Spiccatamente interessato alla dimensione sociale tenta, nei propri scatti, di bloccare l’interazione con l’altro, la sostanza delle persone incontrate fatta di atteggiamenti, esperienza e vissuto culturale.

Prende parte all’associazione culturale “Il primo terzo”,  nata con la scopo di promuovere l’arte fotografica del ritratto, collaborando alla realizzazione della mostra in omaggio ad Irving Penn “Intimismo”.

Nel 2017 ottiene il secondo posto alla prima edizione del foto contest  “Casa Sanremo in uno scatto” durante il Festival di Sanremo 2017.

Attualmente impegnato in nuovi progetti fotografici, sia in studio che negli spazi aperti, sulla tradizione dei costumi nelle diverse culture.